19.09.2015 – Incontro di Meditazione Zen e cerimonia del tè

Eventi Lascia un commento  

 

IMG-20150922-WA0009_resizedPraticare insieme la gioia del Dharma – Gustare il tè della longevità Pu’er Cha

19.09.2015 10:00-18:00

10:00 Arrivo e sistemazione

10:30 Zazen – Kin hin

Meditazione seduta e camminando

Hannya Shingyö

Sutra del cuore

11:30 Incontro – lezion

La Postura dello Spirito

12:30 Pausa pranzo

15:00 Zazen – Kin-hin

Meditazione seduta e camminando

16:00 Gong Fu Cha

Introduzione sulla relazione e i benefici del tè con la Medicina Tradizionale Cinese

Cerimonia del tè cinese

17:00 Conversazione – feed-back

18:00 Congedo 

Vera Miosen Rovesti – Monaca Zen Soto (kioshi – Centre Européen du Bouddhisme Soto Zen

Daniele BreviglieriVive e lavora a Milano, è diplomato in MTC a Nanjing (Cina) all’università di medicina tradizionale cinese. Esperto infusore in particolare di tè Pu’er dello Yunnan (Cina). Socio dell’associazione Italiana degustatori e maestri di tè (ADEMATHE), tiene seminari sulla relazione e i benefici del tè con la Medicina Tradizionale Cinese.

Il tè Pu’er è conosciuto come il tè della longevità, bevanda nutriente ricca di vitamine, minerali e polifenoli (antiossidanti). Proviene  dall’estremo sud ovest della Cina (Provincia Yunnan), geologicamente molto antica. La peculiarità di questo tè è che dopo l’essiccazione naturale, le foglie vengono conservate in luoghi con un’umidità regolata e subiscono una fermentazione fungina che dura dei mesi, dando al tè Pu’er “l’immortalità”. Più invecchia e più diventerà pregiato. La maggior parte delle foglie in fine vengono compresse in torte di 357 grammi che prendono il famoso nome di “Bingcha”. Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, il tè Pu’er aiuta a migliorare la digestione, armonizza il processo di assimilazione e trasformazione del cibo, contribuisce all’eliminazione dell’umidità interna.10593106_687050201378847_1647189759957885118_n

Aggiungi un commento